Al via l'edizione 2019 di UniCredit Start Lab

Sono aperte le iscrizioni alla sesta edizione di UniCredit Start Lab, il programma lanciato da UniCredit nel 2014, rivolto a startup e imprese (Pmi) innovative costituite da non più di 5 anni.

Anche quest’anno UniCredit Start Lab si articolerà in numerose azioni con l’obiettivo di far crescere nuove realtà imprenditoriali ad alto contenuto tecnologico e innovativo, attraverso l’assegnazione di premi in denaro, training manageriale, servizi bancari ad hoc e la ricerca di controparti commerciali.
Le categorie all’interno delle quali le idee imprenditoriali potranno concorrere per aggiudicarsi l’accesso al programma saranno quattro: Innovative Made in Italy; Digital; Clean Tech e Life Science. È possibile inviare la propria candidatura entro il 16 aprile 2019.

Leggere di più


#PNI2018 i vincitori !

MOI (Lombardia), OFREE (Veneto), INNOVACARBON (Calabria), RELIEF (Toscana) VINCONO LA XVI EDIZIONE DEL PREMIO NAZIONALE PER L’INNOVAZIONE. MOI (Lombardia) VINCITORE ASSOLUTO

Conferito oggi a Verona il riconoscimento istituito nel 2003 dall’Associazione Italiana degli Incubatori Universitari – PNICube per diffondere la cultura d’impresa in ambito universitario e accorciare le distanze tra ricerca e mercato.

Al termine di quarantott’ore di presentazioni e pitch sono stati nominati i vincitori della XVI edizione del Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI), la più grande e capillare business plan competition italiana, ospitata quest’anno dall’Università di Verona in partnership con la Camera di commercio.
Il PNI – a cui concorrono i migliori progetti d’impresa innovativa vincitori delle 15 competizioni regionali (StartCup) che coinvolgono le 47 università e incubatori associati, oltre a  numerose istituzioni – ha visto quest’anno la partecipazione di 2.388 neoimprenditori, per un totale di 797 idee d’impresa e 315 business plan presentati. I vincitori sono stati selezionati tra le 59 startup finaliste da una qualificata Giuria composta di esponenti del mondo dell’impresa, della ricerca universitaria e del venture capital , sulla base di criteri come originalità dell’idea imprenditoriale, realizzabilità tecnica, interesse per gli investitori, adeguatezza delle competenze del team, attrattività per
il mercato.
Per il secondo anno consecutivo il vincitore del PNI è una startup che contribuisce al filone di industry 4.0 – commenta Giovanni Perrone, presidente di PNICube – Questo a testimonianza dell’attualità della ricerca e delle applicazioni innovative delle università italiane che, attraverso le loro idee imprenditoriali, possono attivamente contribuire alla crescita e all’innovazione di uno degli asset fondamentali dell’economia del Paese, la manifattura.
1 milione di euro il montepremi complessivamente erogato: oltre 400.000 euro in denaro più di 600.000 in servizi, offerti dagli Atenei e dagli incubatori soci di PNICube e dal vasto ecosistema di supporto all’innovazione imprenditoriale che PNICube ha saputo costruire negli anni. Ecco i vincitori, ognuno di loro si porta a casa un assegno di 25mila euro.

CHI SONO I VINCITORI
Premio NTT DATA INDUSTRIAL (produzione industriale innovativa) e VINCITORE ASSOLUTO PNI:
MOI (StartCup Lombardia) ha sviluppato e brevettato una tecnologia di additive manufacturing in grado di realizzare prodotti ad elevate prestazioni in materiale composito. “Si tratta di un sistema all’avanguardia – ha commentato il capogruppo Gabriele Natale – che prevede l’utilizzo di una macchina a controllo numerico in grado di depositare delle fibre continue impregnate di resina termoindurente al fine di creare oggetti ad elevate prestazioni orientando le fibre in funzione del carico che dovranno sopportare.” (guarda il video)
Premio Iren CLEANTECH & ENERGY (miglioramento della sostenibilità ambientale):
InnovaCarbon (StartCup Calabria) Depurazione di acque contaminate da sostanze organiche attraverso un filtro assorbente composto da nanomateriali dalle altissime performance. “I filtri hanno un’incredibile versatilità – dice Danilo Vuono, responsabile produzione – Il campo di applicabilità spazia dalle acque marine e dolci, alle acque industriali e civili, inquinate da petrolio greggio, benzine, diesel, tutte le tipologie di coloranti industriali, oli e acque di vegetazione”. (Guarda il video)
Premio PwC Italia ICT (tecnologie dell’informazione e dei nuovi media):
Ofree (StartCup Veneto): applicazione che permette alle persone di convertire il tempo speso giocando ai videogiochi in donazioni, in modo coinvolgente. “Per le aziende si tratterà di un nuovo veicolo per poter comunicare con il pubblico, fare brand awareness e brand reputation, una forma di advertising socialmente responsabile – ha dichiarato il ceo Nicolò Santin – Per le organizzazioni non profit sarà un’innovazione dirompente.”  (Guarda il video ).
Premio LIFE SCIENCES (miglioramento della salute delle persone):
Relief (StartCup Toscana) ha sviluppato uno sfintere endouretrale per il ripristino della continenza urinaria. Scarsa invasività e facilità di utilizzo le caratteristiche salienti. “Si tratta di uno strumento più efficace, meno invasivo e costoso, unisex – ovvero applicabile sia all’anatomia maschile sia a quella femminile. In definitiva – ha commentato Francesca Gioia Lucarini, capoprogetto – molto più accettabile dal punto di vista del paziente, rispetto a quanto presente attualmente sul mercato.” (Guarda il video) 
PNI 2018 ha visto inoltre l’assegnazione di due Menzioni e di diversi Premi Speciali:
Menzione speciale “Social Innovation” – Global Social Venture Competition: per il miglior progetto di “Innovazione Sociale”, definita in base ai relativi criteri espressi dalla normativa per le Startup Innovative. Vince Frieco (StartCup Piemonte Valle d’Aosta)* che ottiene l’ammissione diretta alla fase finale della Global Social Venture Competition, organizzata in collaborazione con Startup Initiative.
Menzione speciale “Pari Opportunità” – MIP Politecnico di Milano istituita con l’obiettivo di favorire l’imprenditorialità femminile: primo premio del valore di euro 10.000 a SynDiag – AI for Augmented Ultrasounds (StartCup Piemonte Valle d’Aosta)*, secondo premio del valore di euro 6.000 a SPlastica (StartCup Lazio)*. I premi sono erogati sotto forma di servizi che garantiscono ai team vincitori la possibilità di accedere ai corsi di formazione executive erogati dal MIP Politecnico di Milano Graduate School of Business attraverso la MIP Management Academy.
Premio Speciale UniCredit Start Lab vinto da Phononic Vibes* (StartCup Trentino) che sarà seguita attraverso un percorso di mentoring, coaching, relationship managers e business meeting, oltre ad ottenere la partecipazione alla Startup Academy. Dal febbraio 2014 UniCredit Start Lab ha visionato 4.100 business plan, con soluzioni innovative per i settori più tradizionali del Made in Italy, così come per settori più di frontiera, quali il life science, il clean tech o il digitale.
Oltre 250 startup hanno già usufruito del programma di accelerazione con attività di mentoring, sviluppo del network e formazione mirata, anche grazie alla collaborazione attiva ed entusiasta di oltre 200 partner”.
Premio Speciale Matheria messo a disposizione da Principia Sgr e vinto da Tomapaint* (Starcup Emilia Romagna), a cui – attraverso il Fondo Matheria per il trasferimento tecnologico nel settore dei materiali – viene assegnato un importo di 15mila euro, anche in forma di servizi.
Premio Speciale Boost Heroes vinto da Relief* (StartCup Toscana), che avrà a disposizione un investimento azionario per un controvalore massimo di 50.000 euro, da utilizzare all’interno di una campagna di crowdfunding sul portale Mamacrowd.com. SiamoSoci – società che gestisce Mamacrowd.com, vigilata Consob e specializzata nel mettere in contatto startup e PMI con piccole e medi investitori – applicherà condizioni agevolate alla startup che svolgerà la campagna.
Premio speciale EIT Health Innostars – la KIC-Salute dell’European Institute of Technology and Innovation, il più grande consorzio europeo a favore dell’innovazione e dell’educazione – grazie al quale Maga Orthodontics* (Startcup Sardegna) avrà accesso al programma di business mentoring esclusivo e customizzato EIT Health Mentoring & Coaching Network, e riceverà 4mila euro di smart money sull’organizzazione di 6 sessioni di coaching con l’InnoStars Business Creation Manager.
Premio “Innovazione Health Care” AIIC , messo a disposizione dall’Associazione Italiana Ingegneri Clinici rivolto allo sviluppo di soluzioni per l’innovazione tecnologica nell’erogazione dei servizi sanitari, vinto da Maga Orthodontics* (Startcup Sardegna), Relief* (StartCup Toscana), Mag Shell* (Startcup Lombardia).
Bright Future Ideas Award assegnato dal Dept for International Trade (DIT) del Consolato Generale britannico di Milano e da BacktoWork24, il primo hub di finanza alternativa, a una delle finaliste con ambizioni di espansione internazionale. Il premio prevede la possibilità di fare fundraising con gli investitori del network BacktoWork24 tramite un Club Deal o, in alternativa, una campagna di equity crowdfunding, ed è stato vinto da CaSRevolution* (Startcup Lombardia) e Phononic Vibes* (StartCup Trentino).
Premio Speciale G-Factor, il nuovo incubatore-acceleratore promosso da Fondazione Golinelli: il premio, assegnato a NoToVir* (StartCup Piemonte, Valle d’Aosta), Relief* (StartCup Toscana), Bionit Labs* (StartCup Puglia) consiste nell’accesso ad incontri one to one con esponenti del mondo scientifico, industriale e venture capital per la fase finale della selezione per 10 team del settore life sciences che riceveranno complessivamente 1 milione di euro e parteciperanno al programma di accelerazione G-Force.

Per maggiori dettagli sui Premi leggi il regolamento.

* CHI SONO I VINCITORI DI PREMI E MENZIONI SPECIALI:
Bionit Labs (StartCup Puglia) – produce Adam’s Hand, una protesi mioelettrica della mano basata su un meccanismo adattivo patent-pending che la rende estremamente semplice da utilizzare.
CaSRevolution (StartCup Lombardia) – Una nuova speranza per i malati di Alzheimer che tratta non solo i sintomi della malattia, ma ne blocca la progressione o fornisce un miglioramento sostenibile della malattia.
Frieco (StartCup Piemonte Valle d’Aosta) – nasce per ottimizzare la gestione ed il riuso dei rifiuti offrendo un modello più sostenibile sul piano economico, sociale ed ambientale.
Maga Orthodontics (Startcup Sardegna) – un apparecchio ortodontico magnetico, costruito mediante workflow digitale e progettato per risolvere le esigenze estetiche del paziente.
Mag Shell (Startcup Lombardia) – Un dispositivo biodegradabile a rilascio di farmaco per ridurre le frequenti iniezioni intraoculari – quando serve, ovunque tu sia.
NoToVir (StartCup Piemonte, Valle d’Aosta) – intende sviluppare e rendere disponibili nuovi composti per il trattamento di infezioni virali totalmente innovativi in termini di formulazione.
Phononic Vibes (StartCup Trentino) – introduce metamateriali brevettati con prestazioni senza precedenti nel controllo di vibrazioni e rumore, in ottica economica circolare.
SynDiag – AI for Augmented Ultrasounds (StartCup Piemonte Valle d’Aosta) – aiuta i medici ginecologi a salvare vite grazie all’identificazione automatica di tumori ovarici durante l’esame ecografico.
SPlastica (StartCup Lazio) – plastica sostenibile. Bioplastica 100% biodegradabile e compostabile prodotta da scarti alimentari non più edibili.
Tomapaint (Starcup Emilia Romagna): la tecnologia HR-Magnet è capace di separare in pochi secondi batteri e lieviti dai loro prodotti e dal medium di cultura.

STARTUP: ALCUNI DATI
2.388 gli aspiranti imprenditori che hanno partecipato, presentando un totale di 797 idee d’impresa e 315 business plan, con una ripartizione geografica dei progetti per il 54% dal Nord, il 6% dal Centro e il 40% dal Sud Italia. Rispetto ai settori, guadagna terreno il numero delle idee di business legate all’industria (32% vs. 19% nel 2017), mentre i progetti legati alle scienze della vita, da sempre uno dei cavalli di battaglia della ricerca accademica, rimangono stabili al 32%.
Scende leggermente il numero delle idee di impresa legate all’ICT (16% vs. 17%), mentre si registra un calo nel settore energia e sostenibilità (20% vs. 32%).
Il PNI 2018 è promosso da PNICube, in collaborazione con l’Università di Verona, la Camera di commercio Verona e il PiD. Main Sponsor: Gruppo Iren, PwC Italia, NTT Data.
Sponsor: AVNET Silica, Cariplo Factory, MIP-Politecnico Milano, Unicredit Start Lab.
Con il Supporto di: AIIC – Associazione Italiana Ingegneri Clinici, Azienda Trasporti Verona Srl, BacktoWork24, Boost Heroe.


A Verona università e ricerca sposano impresa e territorio

 

Il 29 e 30 novembre il Premio promosso dall’Associazione Nazionale Incubatori Universitari si presenta con un nuovo format, ospite della Fiera JOB&Orienta a Verona.

Tempo di Premio Nazionale per l’Innovazione, la più importante e capillare business plan competition d’Italia, promossa dall’Associazione Italiana degli Incubatori Universitari – PNICube: la prossima settimana si terrà la sedicesima edizione, organizzata in collaborazione con l’Università degli Studi di Verona con la partnership della Camera di commercio di Verona, e sarà eccezionalmente ospitata da Job&Orienta, la più grande fiera italiana dedicata a lavoro, orientamento e formazione.

IL TEMA

Destinazione Impresa 4.0” è il titolo prescelto per la due giorni che – incentrata su imprenditoria, lavoro e innovazione, con un focus specifico su digitalizzazione e “Piano Impresa 4.0” del Mise – si pone, tra gli obiettivi, quello di stimolare le famiglie e i giovani partecipanti a JOB&Orienta ad avvicinarsi al mondo delle startup innovative, degli spinoff, degli incubatori e, più in generale, all’Università e ai possibili sbocchi lavorativi che permettano di mettere a frutto le competenze acquisite.

Una scelta improntata alla condivisione e alla “contaminazione” che ha portato a rivedere il format dell’evento e a scegliere modalità e strumenti nuovi per il racconto delle idee di impresa degli startupper. Per la prima volta, infatti, i pitch si terranno in un’Agorà altamente tecnologica, con speed-date dinamici tra partecipanti e valutatori. Al centro dell’Agorà figure di spicco del mondo dell’innovazione si alterneranno nella proposta di spunti di riflessione e riletture “creative” del contesto competitivo attuale.

La sinergia con il territorio si concretizzerà nella collaborazione con Enaip e Camera di commercio di Verona. La prima si occuperà della realizzazione di un “Masterchef sui generis” in occasione del pranzo del 29 novembre, che vedrà gli startupper nella veste di giudici valutare i piatti proposti dai vari istituti partecipanti. La seconda partnership, invece, consentirà una visione di insieme di tutte le iniziative rivolte all’implementazione del piano nazionale Industria 4.0. In particolar modo Università di Verona e Camera di commercio stanno portando avanti “Punto Impresa Digitale”, un progetto che – attraverso il coinvolgimento di 100 PMI del territorio, dei dipartimenti di Economia Aziendale ed Informatica, e di 30 studenti nella veste di digital ambassador – mira a diffondere la cultura della digitalizzazione attraverso attività di formazione e assistenza operativa.

“Il grande sforzo che stiamo facendo in questi anni – spiega il Rettore Nicola Sartor è quello di aprire sempre più l’università ai contatti con il mondo produttivo, evitando di essere quella che tipicamente viene definita la “torre d’avorio”, per risultare invece un’istituzione che dialoga con il mondo esterno ai fini di rafforzare le occasioni di reciproca collaborazione.”

“Abbiamo scelto “Destinazione impresa 4.0” come tema del PNI2018, perché vogliamo evidenziare come il mondo delle startup universitarie e degli EPR costituisca un supporto, ormai imprescindibile, all’innovazione tecnologica del sistema delle imprese italiane. – ha aggiunto il Presidente di PNICube Giovanni Perrone È in quest’ottica che il Premio si arricchisce anche quest’anno di attori nazionali ed internazionali che credono ed investono nell’innovazione prodotta dalle startup universitarie.”

FORMULA PNI

Nato nel 2003 per promuovere e diffondere la cultura imprenditoriale in ambito accademico, e per stimolare il dialogo tra ricercatori, impresa e finanza, il PNI è la finale a cui possono accedere i vincitori delle 15 Start Cup regionali che aderiscono al circuito. Una sfida tra i migliori progetti d’impresa hi-tech italiani, con un montepremi complessivo di oltre 1 milione di euro: oltre 400.000 euro in denaro e più di 600.000 in servizi, offerti dagli Atenei e dagli incubatori soci di PNICube e dal vasto ecosistema di supporto all’innovazione imprenditoriale che PNICube ha saputo costruire negli anni. Un mondo, quello accademico e della ricerca universitaria, in grado di dare vita a più del 10% delle oltre 9.600 startup innovative iscritte nel registro imprese del Mise.

Anche quest’anno i 59 progetti finalisti si disputeranno 4 premi settoriali di 25.000 euro ciascuno, grazie ai partner di categoria – IREN Cleantech&Energy, PwC ICT, NTT Data Industrial e Life Sciences – e gareggeranno per il titolo di vincitore assoluto del PNI 2018, che garantirà all’istituzione accademica di provenienza la Coppa Campioni PNI.  Si assegneranno inoltre due Menzioni speciali (“Social Innovation” promossa da Global Social Venture Competition e “Pari Opportunità” istituita dal MIP Politecnico di Milano) e diversi Premi Speciali messi a disposizione da Ambasciate e da prestigiose aziende partner.

Il PNI 2018 è promosso da PNICube, in collaborazione  con l’Università di Verona, la Camera di commercio Verona e il PiD. Main Sponsor: Gruppo Iren, PwC Italia, NTT Data. Sponsor: AVNET Silica, Cariplo Factory, MIP-Politecnico Milano, Unicredit Start Lab. Con il Supporto di: AIIC – Associazione Italiana Ingegneri Clinici, Azienda Trasporti Verona Srl, BacktoWork24, Boost Heroes – MamaCrowd, EIT Health Innostars, Enel Innovation Hub, Funivia Malcesine Montebaldo, Fondazione Golinelli e G Factor, Job&Orienta, Indaco SGR, UPMC, Principia SGR. Con il Patrocinio di: Ministero dello Sviluppo Economico, Regione del Veneto, Comune e Provincia di Verona, British Consulate-General Milano, Global Social Venture Competition.

PREMI SPECIALI

  • Premio Speciale Matheria messo a disposizione da Principia Sgr con l’obiettivo di valorizzare le potenzialità di imprese innovative nel settore dei materiali come generatrici di innovazione in sé e per alimentare l’innovazione in altre aree. Attraverso il Fondo Matheria per il trasferimento tecnologico nel settore dei materiali, Principia assegnerà un importo di 15mila euro, anche in forma di servizi, e si impegna a promuovere le attività della startup selezionata presso i partner del Fondo.
  • Boost Heroes – società specializzata in investimenti e servizi di consulenza per società ad alto potenziale – metterà a disposizione di una delle finaliste PNI 2018 un investimento per un controvalore massimo di 50mila euro, da utilizzare all’interno di una campagna di crowdfunding sul portale Mamacrowd.com. SiamoSoci – società che gestisce Mamacrowd.com, vigilata Consob e specializzata nel mettere in contatto startup e PMI con piccole e medi investitori – applicherà condizioni agevolate alla startup che svolgerà la campagna.
  • Premio speciale EIT Health – la KIC-Salute dell’European Institute of Technology and Innovation, il più grande consorzio europeo a favore dell’innovazione e dell’educazione – grazie al quale un partecipante categoria Life Sciences avrà accesso al programma di business mentoring esclusivo e customizzato EIT Health Mentoring & Coaching Network, e riceverà 4mila euro di smart money sull’organizzazione di 6 sessioni di coaching con l’InnoStars Business Creation Manager. EIT Health, che promuove lo sviluppo e la commercializzazione di soluzioni e prodotti innovativi in ambito salute, si propone di fare scouting e supportare giovani innovatori italiani e europei.
  • Bright Future Ideas Award assegnato dal Dept for International Trade (DIT) del Consolato Generale britannico di Milano e da BacktoWork24, il primo hub di finanza alternativa, a una delle finaliste con ambizioni di espansione internazionale. Il premio prevede la possibilità di fare fundraising con gli investitori del network BacktoWork24 tramite un Club Deal o, in alternativa, una campagna di equity crowdfunding.
  • Premio Speciale G-Factor dedicato alle startup del settore Life Sciences: consiste in una serie di incontri one-to-one con esponenti del mondo scientifico, industriale e del venture capital.

Premio Iren CLEANTECH & ENERGY (miglioramento della sostenibilità ambientale):

“L’innovazione tecnologica è centrale in Iren nelle scelte strategiche e nella definizione dei prodotti e servizi offerti dal Gruppo – ha commentato Enrico Pochettino, Direttore Internazionalizzazione e Innovazione Iren Iren gestisce i processi di innovazione attraverso un modello di open innovation: ha avviato collaborazioni con Università, Centri di ricerca, Poli d’Innovazione e startup, e lanciato un progetto di Corporate Venture Capital, ritenendo che, attraverso la contaminazione con una grande impresa, le iniziative imprenditoriali innovative possano crescere più velocemente e con radici più solide, accelerando il processo di innovazione interno. In questo contesto, anche nel 2018, la Società supporta il PNI, dal quale emergono sempre idee ad alto contenuto innovativo e tecnologico.”

Premio PwC Italia ICT (tecnologie dell’informazione e dei nuovi media):

“Crediamo nel potenziale della ricerca universitaria come driver dello sviluppo di soluzioni innovative italiane e come componente centrale della loro competitività all’estero – ha dichiarato l’Associate Partner PwC Raffaele Perrone – PwC è dedicata a sostenere il “sistema innovazione” italiano tramite una struttura dedicata che supporta le nuove imprese con alto potenziale fin dalle loro prime fasi di sviluppo. Siamo entusiasti di sostenere il Premio Nazionale dell’Innovazione anche per l’edizione 2018, vista la sua funzione centrale nel promuovere lo sviluppo delle eccellenze tecnologiche nate negli atenei italiani.”

Premio NTT DATA INDUSTRIAL (produzione industriale innovativa):

“In NTT DATA promuoviamo modelli collaborativi per rispondere sia al nostro bisogno di innovazione sia a quello dei clienti – afferma Giorgio Scarpelli, Senior Vice President, Chief Technology & Innovation Officer di NTT DATA Italia Per questo motivo l’attenzione alle startup e alle giovani imprese innovative non si limita alla ricerca di idee e tecnologie, ma punta ad una fattiva collaborazione per costruire opportunità di business concrete. Ciò permette di creare sinergie virtuose che coinvolgono anche università ed enti di ricerca. Per questo abbiamo scelto di essere tra i partner di PNICube. La vicinanza alle realtà universitarie su tutto il territorio nazionale ci permette di attingere a un patrimonio unico e di grande valore, fatto di idee e capacità tecniche ma anche di entusiasmo e passione.”

 

 


On line il programma del Premio Nazionale dell'Innovazione 2018

Si tiene il 29 e 30 novembre la nuova edizione del PNI, la business plan competition promossa dall’Associazione Italiana degli Incubatori Universitari-PNICube. Il contest sarà ospitato da Job&Orienta, fiera dedicata al lavoro e dall’Università degli Studi di Verona. Anche quest’anno i 60 progetti finalisti si disputeranno 4 premi settoriali di 25.000 euro ciascuno.

Una sfida tra i migliori progetti d’impresa hi-tech italiani, con un montepremi complessivo di circa 1,5 milioni di euro: oltre 500.000 euro in denaro e circa 1 milione in servizi, offerti dagli Atenei e dagli incubatori soci di PNICube. Un mondo, quello accademico e della ricerca universitaria, in grado di dare vita a più del 20% delle oltre 9.600 startup innovative iscritte nel registro imprese del Mise.

“PNI è il premio più importante che ci sia in Italia dedicato all’innovazione e siamo orgogliosi di poter ospitare per la prima volta la finale nazionale – spiega il Rettore Nicola Sartor – Potremo premiare le idee più innovative in occasione di un evento altrettanto rilevante che è quello di Job&Orienta, dando così ai giovani un segnale sull’importanza che c’è, oltre che nello studio, anche nella capacità di innovare e di avere delle idee brillanti da poter trasferire nel mondo delle imprese. Il grande sforzo che stiamo facendo in questi anni è quello di aprire sempre di più l’università ai contatti con il mondo produttivo evitando di essere quella che tipicamente viene definita la “torre d’avorio”, per risultare invece un’istituzione che dialoga anche con il mondo esterno ai fini di rafforzare le occasioni di reciproca collaborazione.”

Ecco il programma.

Programma PNI 2018

 


Visita l'archivio italiano delle idee, lo storytellig dell'innovazione al PNI

Visita l’archivio italiano delle idee, lo storytellig dell’innovazione con le idee imprenditoriali che partecipano alle Start Cup regionali, scopri in anteprima i finalisti del Premio Nazionale dell’innovazione!

Grazie alla collaborazione di PNICube con Instant Future i neo-imprenditori hanno un canale privilegiato per farsi conoscere e entrare in contatto con aziende già affermate e possibili investitori in cerca di nuovi talenti e nuovi progetti. Pubblicare il proprio progetto all’interno dell’archivio di Italian Factor allarga la propria rete di contatti, fa nascere nuove collaborazioni e crea opportunità per nuovi finanziamenti. Ogni giorno la piattaforma si arricchisce con i video di presentazione di tutte le idee finaliste alle singole edizioni delle Start Cup locali.

Instant Future è un progetto editoriale che racconta il futuro prossimo in cui vivremo, attraverso un programma tv e un sito web (www.instantfuture.it). Al suo interno è attiva la rubrica Italian Factor, che racconta e celebra l’ingegno italiano.

Italian Factor raccoglie i progetti che hanno partecipato a PNICube in un archivio, in continua crescita, che raccoglie e racconta le esperienze delle start up innovative selezionate dal concorso e dà voce ai progetti all’avanguardia ancora da realizzare.
Le immagini video realizzate dai concorrenti sono montate e arricchite di grafiche dalla redazione di Instant Future, per creare un video di sintesi finale.

Conosci in anteprima i finalisti del PNI visitando il sito www.instantfuture.it !


XVI Premio Nazionale per l’Innovazione, Conferenza Stampa di Lancio

DESTINAZIONE IMPRESA 4.0: A VERONA IL PREMIO NAZIONALE PER L’INNOVAZIONE 2018 FA SISTEMA

Il 29 e 30 novembre sarà la Fiera JOB&Orienta ad ospitare la 16° edizione del PNI, la due giorni italiana dedicata alle più innovative idee di impresa nate dalla ricerca accademica. Verona, 11 settembre 2018 – Proseguono e si rafforzano le sinergie tra il mondo dell’università e della ricerca e quello del lavoro. Il Premio Nazionale per l’Innovazione, la più importante e capillare business plan competition d’Italia, promossa dall’Associazione Italiana degli Incubatori Universitari – PNICube, e organizzata quest’anno in collaborazione con l’Università degli Studi di Verona e in partnership con la Camera di Commercio di Verona, sarà infatti ospitata per la sua sedicesima edizione da Job&Orienta, la più grande fiera italiana dedicata a lavoro, orientamento e formazione.

Leggere di più


DESTINAZIONE IMPRESA 4.0

A VERONA IL PREMIO NAZIONALE PER L’INNOVAZIONE 2018 FA SISTEMA

Il 29 e 30 novembre sarà la Fiera JOB&Orienta ad ospitare la 16° edizione del PNI, la due giorni italiana dedicata alle più innovative idee di impresa nate dalla ricerca accademica.

Verona, 11 settembre 2018 – Proseguono e si rafforzano le sinergie tra il mondo dell’università e della ricerca e quello del lavoro. Il Premio Nazionale per l’Innovazione, la più importante e capillare business plan competition d’Italia, promossa dall’Associazione Italiana degli Incubatori Universitari – PNICube, e organizzata quest’anno in collaborazione con l’Università degli Studi di Verona e in partnership con la Camera di Commercio di Verona, sarà infatti ospitata per la sua sedicesima edizione da Job&Orienta, la più grande fiera italiana dedicata a lavoro, orientamento e formazione.

Destinazione Impresa 4.0” è il titolo prescelto per la due giorni che – incentrata sui temi dell’imprenditoria, del lavoro e dell’innovazione, con un focus specifico su digitalizzazione e “Piano Impresa 4.0” del Mise – si pone, tra gli obiettivi, quello di stimolare i giovani partecipanti di JOB&Orienta ad avvicinarsi al mondo delle startup innovative, degli spinoff, degli incubatori e, più in generale, all’Università e ai possibili sbocchi lavorativi che permettano di mettere a frutto le competenze acquisite.

Nato nel 2003 per promuovere e diffondere la cultura imprenditoriale in ambito accademico, e per stimolare il dialogo tra ricercatori, impresa e finanza, il PNI è la finale a cui possono accedere i vincitori delle 15 Start Cup regionali che aderiscono al circuito. Una sfida tra i migliori progetti d’impresa hi-tech italiani, con un montepremi complessivo di circa 1,5 milioni di euro: oltre 500.000 euro in denaro e circa 1 milione in servizi, offerti dagli Atenei e dagli incubatori soci di PNICube.  Un mondo, quello accademico e della ricerca universitaria, in grado di dare vita a più del 20% delle oltre 9.600 startup innovative iscritte nel registro imprese del Mise.

Anche quest’anno i 60 progetti finalisti si disputeranno 4 premi settoriali di 25.000 euro ciascuno, grazie ai partner di categoria – IREN Cleantech&Energy, PwC ICT, NTT Data Industrial e Life Sciences – e gareggeranno per il titolo di vincitore assoluto del PNI 2018, che garantirà all’istituzione accademica di provenienza la Coppa Campioni PNI.  Si assegneranno inoltre due Menzioni speciali (“Social Innovation” promossa da Global Social Venture Competition e “Pari Opportunità” istituita dal MIP Politecnico di Milano) e diversi Premi Speciali messi a disposizione da Ambasciate e da prestigiose aziende partner.

 

“PNI è il premio più importante che ci sia in Italia dedicato all’innovazione e siamo orgogliosi di poter ospitare per la prima volta la finale nazionale – spiega il Rettore Nicola Sartor Potremo premiare le idee più innovative in occasione di un evento altrettanto rilevante che è quello di Job&Orienta, dando così ai giovani un segnale sull’importanza che c’è, oltre che nello studio, anche nella capacità di innovare e di avere delle idee brillanti da poter trasferire nel mondo delle imprese. Il grande sforzo che stiamo facendo in questi anni è quello di aprire sempre di più l’università ai contatti con il mondo produttivo evitando di essere quella che tipicamente viene definita la “torre d’avorio”, per risultare invece un’istituzione che dialoga anche con il mondo esterno ai fini di rafforzare le occasioni di reciproca collaborazione.”

“Il PNI giunge a Verona per la sua XVI edizione con un tema che testimonia come il mondo delle startup universitarie e degli EPR costituisca un supporto, ormai imprescindibile, all’innovazione tecnologica del sistema delle imprese italiane. È in quest’ottica – ha commentato il Presidente di PNICube Giovanni Perrone che il Premio si arricchisce anche quest’anno di attori nazionali ed internazionali che credono ed investono nell’innovazione prodotta dalle startup universitarie.”

Premio Iren CLEANTECH & ENERGY (miglioramento della sostenibilità ambientale):

“L’innovazione tecnologica è centrale in Iren nelle scelte strategiche e nella definizione dei prodotti e servizi offerti dal Gruppo – ha commentato Paolo Colombo, responsabile Ufficio stampa Gruppo Iren Iren gestisce i processi di innovazione attraverso un modello di open innovation: ha avviato collaborazioni con Università, Centri di ricerca, Poli d’Innovazione e startup, e lanciato un progetto di Corporate Venture Capital, ritenendo che, attraverso la contaminazione con una grande impresa, le iniziative imprenditoriali innovative possano crescere più velocemente e con radici più solide, accelerando il processo di innovazione interno. In questo contesto, anche nel 2018, la Società supporta il PNI, dal quale emergono sempre idee ad alto contenuto innovativo e tecnologico.”

Premio PwC Italia ICT (tecnologie dell’informazione e dei nuovi media):

“Crediamo nel potenziale della ricerca universitaria come driver dello sviluppo di soluzioni innovative italiane e come componente centrale della loro competitività all’estero – ha dichiarato l’Associate Partner PwC Raffaele Perrone – PwC è dedicata a sostenere il “sistema innovazione” italiano tramite una struttura dedicata che supporta le nuove imprese con alto potenziale fin dalle loro prime fasi di sviluppo. Siamo entusiasti di sostenere il Premio Nazionale dell’Innovazione anche per l’edizione 2018, vista la sua funzione centrale nel promuovere lo sviluppo delle eccellenze tecnologiche nate negli atenei italiani.”

Premio NTT DATA INDUSTRIAL (produzione industriale innovativa):

“In NTT DATA promuoviamo modelli collaborativi per rispondere sia al nostro bisogno di innovazione sia a quello dei clienti – afferma Giorgio Scarpelli, Senior Vice President, Chief Technology & Innovation Officer di NTT DATA Italia Per questo motivo l’attenzione alle startup e alle giovani imprese innovative non si limita alla ricerca di idee e tecnologie, ma punta ad una fattiva collaborazione per costruire opportunità di business concrete.  Ciò permette di creare sinergie virtuose che coinvolgono anche università ed enti di ricerca. Per questo abbiamo scelto di essere tra i partner di PNICube. La vicinanza alle realtà universitarie su tutto il territorio nazionale ci permette di attingere a un patrimonio unico e di grande valore, fatto di idee e capacità tecniche ma anche di entusiasmo e passione.”

 

Comunicato stampa


Cybertech Europe 2018

In seguito agli enormi successi dei Cybertech Europe 2016 e 2017, Cybertech è orgogliosa di invitarvi a unirvi a migliaia di rappresentanti di tutta Europa, Italia e del globo al principale palco del mondo virtuale, il Cybertech Europe 2018!
Unitevi al Cybertech Europe a Roma, il 26-27 di settembre per due giorni di conferenze ed esposizioni sulle ultime innovazioni, soluzioni e sviluppi dal mondo virtuale!Leggere di più


Save the date - 11/09/08 Verona: Conferenza stampa di lancio #PNI2018

DESTINAZIONE IMPRESA:
A VERONA la 16à edizione DEL PREMIO NAZIONALE PER L’INNOVAZIONE

Il 29 e il 30 novembre 2018 l’Università degli Studi di Verona ospita la 16à edizione della due giorni italiana dedicata alle più innovative idee di impresa nate dalla ricerca accademica.
L’edizione 2018 si svolgerà nei giorni 29 e 30 novembre tra il Complesso Universitario e la Fiera di Verona, con un programma caratterizzato da numerosi eventi sulle tematiche di business, innovazione e cultura tra espositori, investitori, imprenditori e manager.

Il 30 novembre il focus si sposterà sui pitch dei finalisti nei settori; ICT, Industrial, Life Sciences e
Cleantech&Energy, per poi chiudere i lavori con la Finale PNI e proclamazione dei vincitori.

La presentazione di questa edizione, con le novità di quest’anno, gli sponsor, il montepremi e le iniziative correlate, saranno presentate durante la conferenza stampa di lancio che si svolgerà alla Sala Barbieri presso il Rettorato dell’Università degli Studi di Verona martedì 11 settembre alle ore 11.00.

Follow #PNI2018


T4i vince l’Italian Master Startup Award 2018

Conferito oggi in Unical, a Rende (Cosenza) il riconoscimento promosso da PNICube che dal 2007 premia le startup del “circuito” incubatori universitari che hanno evidenziato la migliore performance in termini di crescita e risultati sul mercato.

Rende (CS), 14 maggio 2018

È T4i Space tech for innovation – spin-off fondato nel 2014 dell’Università di Padova – ad essersi aggiudicato, questa mattina, la 12° edizione del Premio destinato alle giovani imprese hi-tech generate dalla ricerca accademica.

L’Italian Master Startup Award – promosso da PNICube (Associazione Italiana degli Incubatori Universitari e delle Business Plan Competition accademiche) e organizzato quest’anno in collaborazione con l’Università della Calabria, il suo incubatore TechNest, CalabriaInnova e Fincalabra, con la sponsorizzazione di growITup e Unicredit Start Lab – è l’unico premio su base nazionale che va a riconoscere gli effettivi risultati conseguiti dalle startup nate in ambito accademico nei loro primi anni di vita.

La cerimonia di premiazione – che si è tenuta nell’avanguardistico Campus dell’Università della Calabria a Rende – è stato anticipato dall’expo e dai pitch delle 9 startup finaliste, tutte ad alto impatto tecnologico, che hanno illustrato percorso fatto e obiettivi futuri ad una qualificata Giuria composta da operatori di fondi di investimento, specialisti di early-stage financing e manager d’impresa[1]

“L’edizione 2018 dell’IMSA ha premiato uno dei settori tecnologici più significativi della ricerca italiana, l’aerospaziale – ha commentato Giovanni Perrone, Presidente di PNICube – È un’ulteriore evidenza della capacità della ricerca universitaria italiana di creare imprenditorialità ad alta tecnologia in grado di contribuire ad uno dei settori economici a più alto valore aggiunto.”

T4i [www.t4innovation.com], guidata da Daniele Pavarin, è uno spin-off dell’Università di Padova che ha come mercato di riferimento la new space economy, cioè il nuovo mercato di servizi spaziali dominato da piattaforme satellitari di piccola taglia e basso costo. La missione di T4i è lo sviluppo di tecnologie propulsive dedicate alla messa in orbita di queste piattaforme. Partner di grandi aziende e Pmi, T4i le aiuta a sviluppare il loro potenziale in settori altamente specializzati inerenti i sistemi propulsivi avanzati. Due le tecnologie chiave, frutto di oltre 10 anni di sviluppo in settore universitario prima e aziendale poi, e caratterizzate da un rapporto costo beneficio estremamente competitivo: il propulsore al plasma a radio frequenza, idoneo alla movimentazione orbitale, e propulsori chimici basati su acqua ossigenata, adatti sia all’inserimento in orbita sia alla movimentazione orbitale.

IMSA 2018 ha visto inoltre l’assegnazione anche dei seguenti Premi Speciali:

  • UniCredit Start Lab: consegnato a T4i*, il Premio consentirà ai premiati di essere seguiti dal programma di accelerazione per startup di UniCredit, dando accesso a mentoring, sviluppo del network con aziende e investitori e formazione mirata. Dal 2014 UniCredit Start Lab ha esaminato oltre 4.100 business plan e supportato oltre 150 startup grazie a un network di oltre 150 partner.
  • Young Entrepreneur Initiative, messo a disposizione dall’Ambasciata di Francia in Italia e assegnato da Gregory Vincent, Senior Investment Advisor dell’agenzia Business France, a T4i*, IngeniArs*, WeCare*, GiPStech*.Il premio, volto a sviluppare contatti e opportunità oltralpe e a favorire la realizzazione di collaborazioni tecnologiche con enti/aziende francesi, prevede un soggiorno in Francia per incontrare gli attori dell’innovazione e potenziali partner.
  • Bright Future Ideas Award, promosso dal Department for International Trade dell’Ambasciata del Regno Unito e Consolato britannico in Italia e conferito da Livia Amidani Aliberti a T4i* Il Premio consiste in una missione conoscitiva di due giorni nella capitale britannica, con un percorso di incontri B2B e servizi di mentoring per le fasi di startup e scaleup e sarà.

I 9 finalisti IMSA 2018 potranno inoltre accedere alla piattaforma di equity crowdfunding Mamacrowd e al network di piccoli investitori di SiamoSoci (www.siamosoci.com), con una modalità agevolata per racccogliere i capitali necessari al consolidamento sul mercato.

 

CHI SONO GLI ALTRI VINCITORI

  • GiPStech, spin-off dell’Università della Calabria [www.gipstech.com] – fondata nel 2014, oggi la società è un gruppo di rilevanza globale per il know-how accumulato sul tema della micro-localizzazione. GiPStech ha infatti sviluppato un ricco portafoglio di tecnologie di localizzazione al chiuso – o dove il GPS non è sufficiente – che, combinando i segnali provenienti da diversi sensori, ottengono straordinarie performance di localizzazione.
  • IngeniArs, spin-off dell’Università di Pisa [www.ingeniars.com] – nasce nel 2014 come start-up innovativa, specializzata nella progettazione e commercializzazione di prodotti e tecnologie hardware e software nei settori aerospaziale, automotive e healthcare. L’azienda, con sede a Pisa, è in forte espansione e può contare su personale altamente qualificato e collaborazioni strategiche con enti pubblici di ricerca, Università ed aziende leader nei settori di riferimento.
  • WeCare, Polihub – incubatore Politecnico di Milano [wecareinnovation.com/it] – piattaforma in cloud, mobile e web, a supporto di tutto l’ambito e-health, sia per le persone (con Amyko) sia per gli animali (con il prodotto Amuuko). Nasce per dare risposta ad alcuni problemi specifici: frammentazione delle informazioni, difficoltà di gestione quotidiana dei propri dati sanitari, scarsa accessibilità ai dati tramite i sistemi in uso. Grazie ad una user experience dinamica, personalizzabile e interattiva, è possibile accedere e gestire il proprio storico salute facilmente, collegandovi diversi dispositivi (braccialetto, portachiavi, chip sotto cutaneo…) dotati di tecnologia passiva NFC.