Bioscience Genomics vince l’Italian Master Startup Award 2019

Bioscience Genomics vince l’Italian Master Startup Award 2019

Conferito oggi nell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” il riconoscimento promosso da PNICube che dal 2007 premia le startup del circuito che stanno ottenendo le migliori performance sui mercati.

È Bioscience Genomics – spin-off dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” fondato nel 2014 – ad essersi aggiudicato, questa mattina, la 13° edizione del Premio destinato alle giovani imprese hi-tech generate dalla ricerca accademica.

L’Italian Master Startup Award – promosso dall’Associazione Italiana degli Incubatori Universitari PNICube e organizzato quest’anno dall’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, per il tramite del CTiF (Center for Teleinfrastructure) sede operativa della StartCup Lazio, con la collaborazione della Fondazione Inuit e del main partner Almaviva – è l’unico premio su base nazionale che va a riconoscere gli effettivi risultati conseguiti dalle startup nate dalla ricerca accademica nei loro primi anni di vita, creando al contempo un importante ponte con il mondo degli investitori.

La cerimonia di premiazione – che si è tenuta nella Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” – è stata anticipata da una tavola rotonda sul tema “Sostenibilità, Innovazione e Startup” e dai pitch delle 14 startup finaliste, tutte ad alto impatto tecnologico, che hanno illustrato percorso fatto e obiettivi futuri ad una qualificata Giuria composta da operatori di fondi di investimento, specialisti di early-stage financing e manager d’impresa.[1]

L’edizione 2019 dell’IMSA ha premiato uno dei settori di punta della ricerca scientifica italiana, la genomica – ha commentato Giovanni Perrone, Presidente di PNICubeLa premiazione di Bioscience Genomics testimonia l’attenzione dell’ecosistema dell’imprenditoria innovativa verso applicazioni della ricerca a problematiche di grande interesse sociale. Un’edizione, quella 2019 dell’IMSA, che ha posto un particolare accento sull’ulteriore potenziamento del dialogo tra startup universitarie e mondo degli investitori.

BIOSCIENCE GENOMICS [https://bioinst.com] è uno spin-off dell’Università di Roma “Tor Vergata”, con sedi a Roma e a Milano, e offre servizi nel campo della genomica. Sfruttando le più recenti tecnologie di sequenziamento di nuova generazione, analizza il DNA libero circolante, sia per la valutazione di eventuali anomalie del feto nel corso di una gravidanza, sia per la valutazione di mutazioni somatiche per la prevenzione oncologica. Il mercato iniziale di riferimento è quello italiano, dove l’azienda sta sviluppando servizi nel settore della prevenzione oncologica, dopo aver esplorato a fondo l’area specialistica dell’ostetricia. Il team, composto da 15 persone, tra cui 10 biologi, è guidato a Roma dalla Branch Manager Alessandra Tacconelli. “Ampliare il mercato verso l’estero, trovare nuove metodologie per la prevenzione oncologica e individuare nuove aree di applicazione per il sequenziamento di nuova generazione sono le nostre prossime sfide” ha detto.

IMSA 2019 ha visto inoltre l’assegnazione anche dei seguenti Premi Speciali:

  • Laudato Si’, menzione speciale secondo criteri di sostenibilità e innovazione sociale, istituita dall’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede e assegnato dall’Ambasciatore Sebastiani a Tecnosens*.
  • Young Entrepreneur Initiative, messo a disposizione dall’Ambasciata di Francia in Italia e assegnato a Userbot*. Il premio, volto a sviluppare contatti e opportunità oltralpe e a favorire la realizzazione di collaborazioni tecnologiche con enti/aziende francesi, prevede un soggiorno in Francia per incontrare gli attori dell’innovazione e potenziali partner.
  • Bright Future Ideas Award, promosso dal Department for International Trade dell’Ambasciata del Regno Unito e Consolato britannico in Italia e SMAU e conferito a Userbot*. Il Premio in servizi, del valore di 4000€, offre la partecipazione a SMAU Milano (ottobre 2019), con numerose opportunità di networking e incontri one to one con potenziali partner, clienti e investitori. La startup potrà inoltre partecipare alla 13esima edizione degli UK-Italy Business Awards, parte dell’esclusivo Business Summit che si terrà a novembre 2019 in Borsa Italiana a Milano.
  • LVenture-Peekaboo, offerto dal fondo di capitali di rischio per lo sviluppo di imprese innovative LVenture e dall’Associazione di innovatori Peekaboo, e assegnato a Picosats*. La startup parteciperà al Lean Startup Program erogato da Peekaboo su Roma e Milano e, se conforme ai requisiti richiesti per il programma di accelerazione LUISS EnLabs, avrà accesso diretto al relativo Selection Day.
  • Expanding in China, assegnato da Gianluca Fabbri, Cluster Manager Open City Smart Lab, a Umbria Bioengineering Technologies*, Leaf Space* e Nextema*, che avranno la possibilità di far parte di una business delegation, organizzata dall’Open City Smart Lab, per una missione in Cina all’International EXPO Center di Nanjing (26 al 29 Giugno 2019), in occasione della Nanjing Techweek 2019. La partecipazione all’evento dà la possibilità di incontrare investitori e partner commerciali cinesi, esplorare le potenzialità del mercato cinese e partecipare all’EU High Level Innovation Conference.

I 14 finalisti IMSA 2019 possono inoltre accedere con una modalità agevolata alla piattaforma di equity crowdfunding Mamacrowd e al network di piccoli investitori di SiamoSoci (www.siamosoci.com) con l’obiettivo di raccogliere i capitali necessari al consolidamento sul mercato.

CHI SONO GLI ALTRI VINCITORI

  • LEAF SPACE (I3P, Politecnico Torino – Polihub, Politecnico Milano) [https://leaf.space/] nasce nel 2016 con l’obiettivo è quello di semplificare l’accesso allo spazio per gli operatori di micro satelliti. Ha sviluppato un network di stazioni di terra completamente automatizzate, in grado di comunicare con i microsatelliti operanti in orbita bassa. Il network, operando come un’unica entità, è in grado di scambiare dati con questi satelliti in modo molto più efficiente, ottimizzando le performance e i costi.
  • NEXTEMA (Almacube, Università Bologna) [http://www.nextema.com/] fondata nel 2015, progetta e vende impianti laser per il trattamento termico superficiale di componenti meccanici fabbricati mediante tecniche additive. La tempra laser è un processo di indurimento superficiale caratterizzato da qualità, versatilità e ripetibilità, tutto associato a ridotte deformazioni del componente trattato. Un adeguato setup del processo permette di trattare pezzi di qualsiasi forma, peso e dimensione.
  • PICOSATS (Università Trieste) [https://picosats.eu/] nata nel 2014, è specializzata nello sviluppo di sistemi innovativi dedicati alla prossima generazione di piccoli satelliti. Il prodotto principale è RADIOSAT, una nuova generazione di rice-trasmettitori miniaturizzati per piccoli satelliti che, sviluppato grazie al supporto dell’ESA, opera ad alta frequenza (banda Ka) fornendo velocità di trasmissione molto elevate, certamente superiori a quelle attuali.
  • TECNOSENS (Università Roma Tor Vergata) [www.tsens.eu] fondata nel 2014, sviluppa e vende sensori elettrochimici per il monitoraggio dei composti disinfettanti maggiormente impiegati nel campo del trattamento acque: cloro libero e totale, biossido di cloro, perossido di idrogeno e acido paracetico.
  • UMBRIA BIOENGINEERING TECHNOLOGIES (Dipartimento di Fisica UNIPG) [https://www.ubt-tech.com/] costituita nel 2015 nell’ambito delle biotecnologie, realizza un Mammografo basato sulle innocue microonde anziché sui pericolosi RX, per l’individuazione precoce del tumore al seno quando può essere facilmente curato in un Disruptive Medical Device da portare sul mercato in tempi brevi.
  • USERBOT (Polihub, Politecnico Milano) [userbot.ai] nata nel 2017, ha sviluppato una piattaforma online basata su tecnologie proprietarie e brevettate di Intelligenza Artificiale in grado di automatizzare i processi aziendali, come Customer Service, Help Desk interno, Marketing Automation e Lead Generation, e di imparare dalle risposte e dai comportamenti degli umani migliorando le proprie performance.

———————————————————————————————————————-

PNICube [www.pnicube.it] è l’Associazione italiana degli incubatori universitari e delle business plan competition regionali, denominate StartCup. Nata nel 2004, PNICube ha lo scopo di stimolare la nascita e accompagnare al mercato nuove imprese ad alto contenuto di conoscenza generate dal mondo accademico. Oggi conta 48 associati tra Università e Incubatori accademici, e 16 StartCup attive.

———————————————————————————————————————-

[1] I GIURATI 2019: Paolo Anselmo, IBAN; Hagaj Badash, Invitalia Ventures SGR; Luca Bertone, TIM WCAP; Massimiliano Ceaglio, Siamo Soci; Gianluca Fabbri, Open City Smart Lab; Amedeo Giurazza, Vertis; Gianluca Granero, Pi-Campus; Francesco Mazzocco, Intesa San Paolo; Matteo Paradisi, LVenture Group; Alberto Silvani, Principia Sgr; Alberto Tripi, Almaviva. Giuria Premi speciali IMSA: Mariangela Callipo, British Consulate Milan; Gianluca Fabbri, Open City Smart Lab; Valentina Sorgato, SMAU; Tiffany Ziller, Ambasciata di Francia.


Sostenibilità, Innovazione e Startup: l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”ospita il 13° Italian Master Startup Award (IMSA)

 

Quattordici le finaliste che il 17 maggio si disputeranno a Roma il premio istituito dall’Associazione PNICube per le startup nate dalla ricerca accademica che hanno dimostrato le migliori performance sul mercato.

Sono stati oltre 520 i milioni di euro raccolti dalle startup italiane nel 2018 (+384% rispetto al 2017), di cui più di 30 solo con il crowdfunding. Boom anche per la nascita di fondi di investimento (880 milioni di euro in totale), l’ultimo dei quali – il Fondo Nazionale Innovazione, del valore di 4 miliardi – è stato presentato dal Ministro dello Sviluppo Economico lo scorso 4 marzo. Un anno record per crescita di investimenti: segnale certamente positivo, che va incoraggiato e sostenuto se si desidera accelerare la crescita di un ecosistema nell’ambito del quale restano poche le exit e ancora stentano a crescere le partnership strategiche con le grandi imprese.

Proprio in questa direzione si muove il 13° Italian Master Startup Award (IMSA) – l’evento PNICube che premia la startup del “circuito” degli incubatori universitari che ha evidenziato la migliore performance in termini di crescita e risultati sul mercato – con un’edizione dal format completamente rinnovato, grazie alla creativa interazione con l’Ateneo di “Tor Vergata”, che punta sulla contaminazione tra investitori, istituzioni italiane ed estere, startup e spinoff.   A partire dal potenziamento dell’Expo, in cui sarà possibile conoscere da vicino non solo le startup in gara, ma anche i migliori progetti di impresa innovativa dell’ultima StartCup Lazio, e dall’istituzione di una sessione specifica di incontri one-to-one con gli investitori nel primo pomeriggio.

La cerimonia di premiazione sarà anticipata da una tavola rotonda sul tema “Sostenibilità, Innovazione e Startup” e dalla sfida tra le 14 finaliste che, in brevi pitch, illustreranno percorso fatto e obiettivi futuri ad una Giuria composta da operatori di fondi di investimento, specialisti di early-stage financing e manager d’impresa*[1].

Organizzato dall’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, per il tramite del CTiF (Center for Teleinfrastructure) sede operativa della StartCup Lazio e con la collaborazione della Fondazione Inuit e del main partner Almaviva, IMSA 2019 vedrà l’assegnazione anche dei seguenti Premi Speciali:

  • Laudato Si’, menzione speciale istituita dall’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede;
  • Young Enterprise Initiative, assegnato dall’Ambasciata di Francia in Italia;
  • Bright Future Ideas Award, promosso dal Department for International Trade dell’Ambasciata del Regno Unito e Consolato Britannico in Italia, congiuntamente a Smau;
  • LVenture-Peekaboo, offerto dall’omonimo fondo di capitali di rischio per lo sviluppo di imprese innovative e dall’Associazione di innovatori Peekaboo;
  • Expanding in China, assegnato da Gianluca Fabbri, Cluster Manager Open City Smart Lab;

I 15 finalisti potranno inoltre accedere con una modalità agevolata alla piattaforma di equity crowdfunding Mamacrowd e al network di piccoli investitori di SiamoSoci (www.siamosoci.com) con l’obiettivo di raccogliere i capitali necessari al consolidamento sul mercato.

 

CHI SONO LE 14 FINALISTE

Provengono da tutta Italia e rappresentano i più svariati settori merceologici, dal manifatturiero innovativo a, dall’aerospaziale alle nanotecnologie in campo biomed e healthcare. Selezionate da una Giuria[2] composta da operatori di fondi di investimento, specialisti di early-stage financing e manager d’impresa, il 17 maggio In 14 si contenderanno, all’Università Roma Tor Vergata, la 13° edizione del Premio istituito da PNICube per le startup nate dalla ricerca accademica che hanno evidenziato le migliori performance sul mercato a pochi anni dalla costituzione.

  1. BIOSCIENCE GENOMICS (Università Roma Tor Vergata) [https://bioinst.com]– offre servizi nel campo della genomica. Sfruttando le più recenti tecnologie di sequenziamento di nuova generazione, analizza il DNA libero circolante, sia per la valutazione di eventuali anomalie a carico della componente fetale, nel corso della gravidanza, sia per la valutazione di mutazioni somatiche, per la prevenzione oncologica. Il mercato iniziale di riferimento è quello italiano, nel quale, dopo aver esplorato a fondo l’area specialistica dell’ostetricia, l’azienda sta sviluppando servizi nel settore della prevenzione oncologica.
  2. CUBBIT (Almacube, Università Bologna) [http://www.cubbit.io] – fondata nel 2016, ricicla le risorse internet che non utilizziamo per trasformarle nel cloud più competitivo e green di sempre, sostituendo le web farm centralizzate con il primo data-center basato su un network peer-to-peer che permette di risparmiare il 65% dell’energia consumata dal cloud tradizionale.
  3. EXCANTIA – The Wine Sider (I3P, Politecnico Torino) [https://thewinesider.com/] – ha l’obiettivo di rivoluzionare l’industria della distribuzione del vino offrendo alle aziende consulenza per la selezione delle etichette e supporto per la carta vini, tecnologie innovative, pagamenti efficienti, logistica garantendo una consegna tempestiva, reporting su cantine e vendite.
  4. HOLEY (Università Roma Tor Vergata) [www.holey.it] – nata nel 2016, è specializzata in dispositivi medicali. Ha sviluppato una soluzione integrata per la realizzazione di tutori ortopedici stampabili in 3D che possono sostituire sia il gesso tradizionale, sia i tutori commerciali prefabbricati utilizzando materiale ipoallergenico.
  5. LEAF SPACE (I3P, Politecnico Torino) [https://leaf.space/] – nasce nel 2016 con l’obiettivo è quello di semplificare l’accesso allo spazio per gli operatori di micro satelliti. Ha sviluppato un network di stazioni di terra completamente automatizzate, in grado di comunicare con i microsatelliti operanti in orbita bassa. Il network, operando come un’unica entità, è in grado di scambiare dati con questi satelliti in modo molto più efficiente, ottimizzando le performance e i costi.
  6. L4T – LIGHT4TECH (Università Firenze) [http://www.l4t.it/; https://www.emoled.com/] – nasce nel 2014 come ricerca e sviluppo sperimentale nel campo della fotonica. Realizza un dispositivo medico (classe IIa) di ausilio alla guarigione delle lesioni cutanee croniche, un serio problema medico al livello mondiale; il suo funzionamento si basa sul trasferimento di energia luminosa dal dispositivo al paziente, senza l’intervento di mediatori (additivi chimici o medicinali).
  7. NEXTEMA (Almacube, Università Bologna) [http://www.nextema.com/] – fondata nel 2015, progetta e vende impianti laser per il trattamento termico superficiale di componenti meccanici fabbricati mediante tecniche additive. La tempra laser è un processo di indurimento superficiale caratterizzato da qualità, versatilità e ripetibilità, tutto associato a ridotte deformazioni del componente trattato. Un adeguato setup del processo permette di trattare pezzi di qualsiasi forma, peso e dimensione.
  8. PICOSATS (Università Trieste) [https://picosats.eu/] – nata nel 2014, è specializzata nello sviluppo di sistemi innovativi dedicati alla prossima generazione di piccoli satelliti. Il prodotto principale è RADIOSAT, una nuova generazione di rice-trasmettitori miniaturizzati per piccoli satelliti che, sviluppato grazie al supporto dell’ESA, opera ad alta frequenza (banda Ka) fornendo velocità di trasmissione molto elevate, certamente superiori a quelle attuali.
  9. REJOINT (Almacube, Università Bologna) [https://www.rejoint.life/] – nasce nel 2015 per implementare il concetto di “personalized medicine” in medtech/ortopedia. Ha sviluppato una soluzione per la sostituzione del ginocchio basata sull’integrazione di 3D Additive Manufacturing, intelligenza artificiale e internet delle cose, che consente di progettare Impianti personalizzati e simulazioni chirurgiche basate su un’anatomia  unica del paziente.
  10. RESVALUE (Università Roma Tre) [https://www.trovabando.it/] – ha elaborato nel 2014 Trovabando, la prima piattaforma di finanza agevolata in Italia che individua in tempo reale le opportunità di finanziamento a cui una impresa, un libero professionista o una ditta individuale può avere accesso verificando in maniera automatizzata i requisiti di accesso a centinaia di bandi pubblici nazionali, regionali e camerali.S
  11. TECNOSENS (Università Roma Tor Vergata) [www.tsens.eu] – fondata nel 2014, sviluppa e vende sensori elettrochimici per il monitoraggio dei composti disinfettanti maggiormente impiegati nel campo del trattamento acque: cloro libero e totale, biossido di cloro, perossido di idrogeno e acido paracetico.
  12. UMBRIA BIOENGINEERING TECHNOLOGIES (Dipartamento di Fisica UNIPG) [https://www.ubt-tech.com/] – costituita nel 2015 nell’ambito delle biotecnologie, realizza un Mammografo basato sulle innocue microonde anziché sui pericolosi RX, per l’individuazione precoce del tumore al seno quando può essere facilmente curato in un Disruptive Medical Device da portare sul mercato in tempi brevi.
  13. USERBOT (Polihub, Politecnico Milano) [userbot.ai] – nata nel 2017, ha sviluppato una piattaforma online basata su tecnologie proprietarie e brevettate di Intelligenza Artificiale in grado di automatizzare i processi aziendali, come Customer Service, Help Desk interno, Marketing Automation e Lead Generation, e di imparare dalle risposte e dai comportamenti degli umani migliorando le proprie performance.
  14. WATAJET (Politecnico di Milano) [http://www.watajet.com] – fondata nel 2014, offre servizi di lavorazioni meccaniche convenzionali e non convenzionali di precisione e ad alto valore aggiunto. La tecnologia Micro Abrasive Waterjet consente l’ottenimento di precisioni e livelli qualitativi del taglio non paragonabili con i sistemi standard, proponendola come una nuova realtà nel campo delle lavorazioni meccaniche di alta precisione ed una valida alternativa all’EDM e al laser.

I componenti della Giuria IMSA 2019: Paolo Anselmo, IBAN; Hagaj Badash, Invitalia Ventures SGR; Luca Bertone, TIM WCAP; Massimiliano Ceaglio, Siamo Soci; Gianluca Fabbri, Open City Smart Lab; Amedeo Giurazza, Vertis; Gianluca Granero, Pi-Campus; Francesco Mazzocco, Intesa San Paolo; Matteo Paradisi, LVenture Group; Alberto Silvani, Principia Sgr; Alberto Tripi, Almaviva. Giuria Premi speciali IMSA: Mariangela Callipo, British Consulate Milan; Gianluca Fabbri, Open City Smart Lab; Valentina Sorgato, SMAU; Tiffany Ziller, Ambasciata di Francia.


Italy-China Best Startup Showcase, parte la selezione per startup e PMI

Lanciato nell’ambito della Settimana Italia-Cina della Scienza, della Tecnologia e dell’Innovazione 2018, l’Italy-China Best Startup Showcase offre un percorso di selezione progressiva per startup e PMI intenzionate a farsi conoscere internazionalmente con la propria idea innovativa dall’elevato potenziale di mercato, con benefit ed incentivi economici crescenti previsti fino alla premiazione finale, che si terrà il prossimo autunno a Pechino. Per presentare la propria candidatura c’è tempo fino all’11 marzo 2019.

Tale showcase rappresenta una interessante opportunità per le giovani imprese italiane: infatti, attraverso incontri di networking specifici, startup, spin-off e PMI avranno la possibilità di presentarsi ad un vasto numero di finanziatori, incubatori, esperti e stakeholders dei due paesi, costruendo contatti con potenziali futuri partner finanziari e industriali.

Per ulteriori informazioni e chiarimenti, è possibile inviare una mail al seguente indirizzo: cina@campanianewsteel.it. Oppure, è possibile chiamare al seguente numero: 081735 24 38. Gli uffici sono aperti dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 17.

Qui è possibile visualizzare il bando completo, mentre a questo indirizzo è presente il modulo d’iscrizione dedicato.

Leggere di più


Al via le iscrizioni all'Italian Master Startup Award - IMSA 2019

Il Premio Italian Master Startup Award (IMSA) è una competizione nazionale, promossa annualmente dall’Associazione PNICube, in collaborazione con uno dei soci, che premia giovani startup innovative di successo basate sulla ricerca scientifica.

L’edizione IMSA 2019 si terrà il 17 maggio 2019, a Roma presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”.

Nato nel 2007, l’IMSA è l’unico evento su base nazionale rivolto a giovani imprese innovative nate dalla collaborazione con le università, gli incubatori associati e gli enti pubblici di ricerca italiani anche per il tramite delle Business Plan Competition regionali (Start Cup) associate al Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI).
Obiettivo dell’IMSA è favorire lo sviluppo economico e sociale attraverso azioni di promozione a supporto di start up innovative che hanno conseguito posizioni di successo sul mercato nei primi anni di vita raggiungendo significativi risultati economici e obiettivi qualitativi.
La competizione, organizzata da PNI Cube, in collaborazione con uno dei soci, offre non solo premi in denaro, ma anche l’affiancamento di mentor di successo, la partecipazione a fiere ed eventi mirati e l’accesso a mercati internazionali.

All’edizione 2019 del Premio possono partecipare le startup innovative che si sono costituite dopo il 01/01/2014, ovvero il cui primo bilancio di esercizio risulti non anteriore al 2014, con almeno due bilanci di esercizio conclusi, appartenenti ad una delle seguenti categorie:
1. start-up che hanno partecipato o che si sono costituite in seguito alla partecipazione a una delle business plan competition associate al Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI);
2. start-up che hanno usufruito dei servizi di uno degli incubatori universitari, delle Università
o degli Enti che fanno parte della rete PNICube;
3. spin-off universitarie, ossia start-up fondate da un ricercatore di un’università o Ente Pubblico di Ricerca con il supporto e/o l’approvazione dell’università stessa.

Per partecipare al Premio la società non può essere costituita da fusione, scissione societaria o a seguito di cessione di azienda o di ramo di azienda.

Le start-up che hanno partecipato alle precedenti edizioni del Premio “Italian Master Startup Award” e che sono risultate tra le 10 finaliste non possono partecipare all’edizione 2019 del Premio.

La società vincitrice ottiene un premio in denaro del valore di € 5.000, erogato dall’Associazione
PNICube1 (o dall’ente organizzatore dell’evento).

Il termine ultimo per la presentazione delle candidature è fissato per le ore 12:00 di venerdì 12 aprile 2019.
Le candidature devono essere presentate per il tramite dei soci e dei partner di PNICube, mediante i moduli scaricabili dal sito www.pnicube.it, da compilare sia in lingua italiana che in lingua inglese, e devono essere inviate via e-mail all’indirizzo: info@pnicube.it.

Scarica il regolamento

Scarica la domanda di partecipazione in IT 

Scarica la domanda di partecipazione in EN


Premio Nazionale per l'Innovazione 2018 "Premio dei Premi", cerimonia di premiazione e vincitori

Un grande riconoscimento per il lavoro svolto dalle nostre startup, che rappresentano il grande potenziale tecnologico e di innovazione delle Università italiane: il prossimo 4 marzo 2019, presso la Sala Koch del Senato della Repubblica, si svolgerà infatti la X edizione della cerimonia di consegna del Premio Nazionale per l’Innovazione “Premio dei Premi” 2018, che vedrà protagoniste tante imprese nate proprio nel circuito PNICube.

Quest’anno la targa del premio sarà consegnata alla presenza di Maria Elisabetta Alberti Casellati, Presidente del Senato, ad amministrazioni ed enti pubblici, aziende e professionisti del design, individuati tra i vincitori dei premi per l’innovazione assegnati annualmente a livello nazionale dalle principali Associazioni imprenditoriali e professionali nei settori dell’industria e del terziario (ABI, ADI, Confcommercio, Confindustria, PNICube), da grandi gruppi industriali e dal Dipartimento della funzione pubblica o attraverso premi dedicati al settore pubblico.

Il “Premio dei Premi” è stato istituito con DPCM del 7 aprile 2008, su concessione del Presidente della Repubblica Italiana, presso la Fondazione COTEC. Obiettivo del Premio è riconoscere ed evidenziare annualmente le più rilevanti realizzazioni della capacità d’innovazione di imprese, università, amministrazioni pubbliche, singoli inventori, anche al fine di favorire la crescita della cultura dell’innovazione nel Paese.

Qui il programma completo della cerimonia di premiazione.

Leggere di più


Aperte le candidature per il Techshare Day della Italian Tech Week

Dal 25 al 28 giugno 2019, a Torino, partirà la Italian Tech Week (ITW), evento in cui sono coinvolti protagonisti italiani ed europei del mondo della tecnologia, della cultura e dell’innovazione. Per una settimana un fitto calendario di iniziative proporrà oltre 15 eventi diffusi sul territorio della città, tra convegni e seminari per studenti e per professionisti, occasioni di fund raising per le start up, esposizione di tecnologie d’avanguardia, dibattiti aperti al pubblico e incontri con gli attori della scena mondiale dell’imprenditoria tech. Nel corso dell’iniziativa, le università e i centri di ricerca italiani avranno la possibilità di presentare le proprie tecnologie ai possibili investitori, previo l’invio di una candidatura all’indirizzo email  application@knowledge-share.eu entro le ore 12:00 del 1° aprile 2019, avendo cura di compilare accuratamente l’apposito modulo.

Leggere di più


Aperto il bando "L'innovazione che parla italiano" per le startup tecnologiche all'estero

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione InternazionalePNICube hanno pubblicato il bando per la seconda edizione del premio “L’innovazione che parla italiano”, indirizzato a tutte le startup ad alto valore tecnologico ed innovativo fondate da cittadini italiani che operano all’estero. Il premio consisterà in una medaglia e in un diploma del Ministero, e verrà conferito alla startup vincitrice in occasione della prossima edizione della Conferenza agli Addetti Scientifici 2019. Il termine ultimo per presentare la propria candidatura è il 12 febbraio 2019. Qui trovate il bando con tutte le informazioni e i moduli necessari per l’iscrizione.

All’iniziativa possono partecipare i soci fondatori o co-fondatori di startup a significativa caratterizzazione tecnologica, che siano di cittadinanza italiana, che siano in possesso di un titolo di studio di livello universitario, che abbiano seguito almeno parte del proprio percorso di studi (universitari o post-universitari) in Italia, e che operino in uno dei seguenti Paesi: Argentina, Australia, Austria, Belgio, Brasile, Canada, Cile, Cina, Rep. di Corea, Danimarca, Egitto, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Giordania, Gran Bretagna, India, Israele, Lituania, Messico, Paesi Bassi, Portogallo, Russia, Serbia, Singapore, Spagna, Sud Africa, Svezia, Svizzera, USA e Vietnam.

La startup tecnologica in questione dovrà dimostrare di possedere, nello specifico, un significativo potenziale di innovazione, oltre a diversi fattori che verranno presi in considerazione nella valutazione della domanda:

  • La crescita registrata dalla startup in termini economici, di raccolta di capitali di rischio ed occupazionale;
  • Il vantaggio competitivo dimostrato dalla startup;
  • Il contenuto tecnico-scientifico e il grado dell’innovazione proposta la mercato;
  • L’eventuale proposta di soluzioni e servizi aventi ricadute significative rispetto agli obiettivi di sviluppo sostenibile nell’Agenda 2030;
  • Il profilo e le attività della startup in merito ai temi legati alla responsabilità sociale;
  • Il livello del contributo fornito dal candidato alla nascita e alla crescita della startup;
  • Le ricadute già ottenute o potenziali sulla crescita socioeconomica dell’Italia.

La cerimonia di premiazione avrà luogo alla presenza del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e del Ministro dell’Istruzione. I nomi dei vincitori e delle startup premiati saranno pubblicati sui siti web dei Ministeri e degli Enti coinvolti, nonché sul sito web dell’Ambasciata o Rappresentanza permanente di riferimento.


Ecco il catalogo EIT Health con tutte le opportunità di accelerazione per giovani, PMI e startup per il 2019

EIT Health, una delle più importanti iniziative di innovazione in campo sanitario a livello europeo e mondiale, ha pubblicato il calendario di tutti gli appuntamenti relativi ai progetti di accelerazione per giovani, studenti, imprese, startup e PMI per il 2019. Il programma può essere scaricato a questo link.

Leggere di più


Call for Impact 3 di Getit: Smart Cities & Mobility Action, Food & Environment

Aperta la call Smart Cities & Mobility Action, Food & Environment per individuare i progetti imprenditoriali più promettenti e per sostenerne il potenziamento.

Cariplo Getit! è un’iniziativa promossa da Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore (“FSVGDA”), fondazione che investe in progetti a impatto sociale e promuove la cultura dell’impact investing, e da Cariplo Factory S.r.l. (“CF”), Hub di Open Innovation, Talent Management e Corporate Social Responsibility, nata per per sostenere la nascita, lo sviluppo e il rafforzamento delle start-up a vocazione sociale, ambientale e culturale in Italia. Hai un’idea imprenditoriale dedicata alle Smart Cities & Mobility Action, Food & Environment?

Candida la tua idea entro il 25 Febbraio 2019.

 Scopri tutto sulle nuove opportunità per progetti e startup ad alto impatto sociale e le aree tematiche della call:

Accessibility & Urban Recovery

  • Strumenti, servizi integrati e soluzioni per la riduzione dei consumi di energia o utilizzo di fonti rinnovabili in ambito urbano per lo sviluppo della smart city;
  • Strumenti e servizi integrati per lo sviluppo della smart city;
  • Strumenti e servizi integrati per lo sviluppo e la diffusione dell’intermodalità;
  • Strumenti e servizi integrati per la diffusione della mobilità sostenibile (ciclabile, elettrica, a idrogeno etc.) in ambito urbano;
  • Strumenti e servizi integrati per la mobilità della comunità, delle categorie sociali deboli e per chi vuole raggiungere le possibilità di una vita indipendente (persone con disabilità);
  • Strumenti, servizi e buone pratiche per la riqualificazione delle aree dismesse e periferiche interessate dal disagio sociale.

Food & Environment

  • Strumenti per favorire l’innovazione sociale e tecnologica nelle aree rurali;
  • Strumenti e soluzioni per ridurre lo spreco alimentare;
  • Strumenti e soluzioni a sostegno dell’economia circolare;
  • Strumenti, processi e soluzioni per incrementare la sostenibilità ambientale del settore agroalimentare;
  • Strumenti, processi e soluzioni sostenibili per la tutela ambientale;
  • Strumenti e servizi integrati per l’adattamento ai cambiamenti climatici in ambito urbano;
  • Strumenti e soluzioni per favorire approvvigionamento di alimenti sostenibili (km 0, biologico);
  • Strumenti, piattaforme e servizi per migliorare la sicurezza alimentare.

Startup e Team Innovatori possono candidarsi entro il 25 Febbraio 2019 al seguente link: https://www.f6s.com/callforimpact3smartcitiesfoodgetit